le lenti di Gramsci

sabato 30 dicembre 2017

POTERE AL POPOLO è


è un movimento nuovo, che parte dal basso,da persone preparate e senza santi in paradiso (e che nemmeno li vogliono), che vivono lo sfruttamento e le barbarie tutti i giorni sulla propria pelle,che subiscono le ingiustizie e la privazione di ogni diritto.
Potere al Popolo è voglia di fare,di cambiare le cose,è entusiasmo,determinazione,convinzione che un altro modo di società è possibile,è necessaria.
È consapevolezza che il popolo unito non sarà mai vinto,che insieme siamo una forza,che gli sfruttatori sono la minoranza e che possiamo farcela.
Potete al popolo è speranza,è speranza che si concretizzerà in una società più giusta e libera dallo sfruttamento.
Potere al popolo è militanza,idee,coinvolgimento,passione.
Potere al popolo è urgenza di cambiamento,è riconquistare la propria dignità e poter guardare al futuro.
Potere al popolo nasce così.
Non ci fermeramo alle elezioni.
Fino alla vittoria:Potere al popolo!

(Lina Rinaldi, FB)



venerdì 22 dicembre 2017

Dall'alternanza scuola-lavoro alla lotta di classe


dal sito di Resistenze

C'è bisogno di più disciplina? L'alternanza scuola-lavoro come inganno pedagogico

[..] Il lavoro come terapia educativa, dunque. Senza ricadere negli eccessi violenti del passato, l'infanzia prolungata si cura con il lavoro. La maturità del giovane con la testa tra le nuvole è la soggezione al capitale. L'uscita dall'infanzia, la maturazione, è lavorare per il padrone, alle condizioni del padrone. Svegliati, matura, capisci la tua natura di servo. Prostituisciti al capitale. Gratis mentre sei a scuola, e poi per un salario da fame quando la scuola sarà finita. E ringrazia il padrone se non porta l'azienda in Serbia e non ti lascia disoccupato, ché farti lavorare mica gli conviene. Lo fa per te, come un buon padre.
Dietro la retorica del lavoro, si nasconde il profitto degli imprenditori. Dietro la voce che ti dice di maturare, si nasconde la legge iniqua del capitale. La "cura del lavoro" è una enorme violenza ideologica, che spaccia il lavoro sotto il padrone per l'unico lavoro possibile.
La contraddizione è delle più evidenti. Il duro lavoro dovrebbe farti maturare. Ma con le attuali condizioni di lavoro non si esce mai dall'infanzia. Il capitale finge di volerti adulto, mentre ti lascia per sempre bambino. Questa è la base economica dell'infantilismo psichico! Come puoi diventare adulto, comprare casa, mettere su famiglia, con il salario da fame che ti dà il capitale quando diventi "maturo"? Finché comanda il capitale, l'età adulta è solo anagrafica. E le soluzioni del capitale sono, come al solito, false soluzioni.
Solo in un'umanità liberata, solo in una società comunista, il lavoro può essere realizzazione di se stessi. Solo nel comunismo, il lavoro è il tuo lavoro, quello che dà senso alla tua vita. Nel comunismo lavori per te stesso, e non per un altro che si arricchisce con il tuo lavoro, togliendoti tutto. Solo nel comunismo il lavoro è davvero nobile, e non è l'ignobile fatica del lavoro imposto e comandato dal capitale, che ti mastica per 8 ore al giorno e poi ti sputa; e che ti rende un fantasma durante il poco tempo libero che ti viene generosamente concesso!
I giovani perdono tempo, è vero. C'è bisogno di più disciplina, è vero. Ma non della vecchia disciplina familiare; né della disciplina del lavoro capitalistico. La disciplina di cui i giovani hanno bisogno è la disciplina che serve per organizzarsi, per riconoscere i propri compagni, e combattere insieme a loro la lotta di classe per la propria liberazione.

leggi tutto su




venerdì 8 dicembre 2017

LE DONNE DELLA RIVOLUZIONE


Le donne combattenti nei giorni della Grande Rivoluzione d'Ottobre
dalla compagna Alexandra Kollontaj (1972/1952), femminista rivoluzionaria, che propugnò l'Eros alato della liberazione oltre l'emancipazione, che fu il primo ministro donna al fianco di Lenin, che unì la lotta di classe alla parità di genere, l'omaggio alle sue compagne della rivoluzione sovietica, la Krupskaja, la Inessa Armand, la Stassova e le tante lavoratrici e donne comuni che diedero l'assalto al cielo, una delle eredità più belle e dirompenti per una riattualizzazione della rivoluzione d'Ottobre, nel suo centenario. (fe.d.)
Alexandra Kollontaj | Zhensky Zhurnal (The Women's Journal), N. 11, Novembre, 1927, pp. 2-3 marxists.org


Le donne che presero parte alla Grande Rivoluzione d'Ottobre - Chi furono?
Individualità isolate? No, erano padrone di loro stesse; decine, centinaia di migliaia di eroine senza nome che, marciando fianco a fianco degli operai e dei contadini dietro la Bandiera Rossa e gli slogan dei Soviet, hanno scavalcato le rovine della teocrazia zarista balzando in un nuovo futuro…
Se si guarda indietro al passato, le si può scorgere, queste masse di eroine senza nome che nell'Ottobre vivevano in città affamate, in villaggi impoveriti saccheggiati dalla guerra… Una sciarpa in testa (molto raramente, ancora, un fazzoletto rosso), una gonna usurata e una giacca invernale rattoppata… Vecchie e giovani, donne lavoratrici e mogli di soldati, contadine e casalinghe provenienti dai poveri della città. Più raramente, molto più raramente in quei giorni, impiegate e donne delle professioni, educate ed acculturate. Ma ci furono anche donne provenienti dall'intellighenzia tra quelle che portarono la Bandiera Rossa alla vittoria dell'Ottobre - maestre, impiegate, giovani studentesse di scuola superiore e di Università, donne medico. Hanno marciato allegramente, disinteressatamente, volontariamente. Sono andate ovunque siano state mandate. Al fronte? Hanno indossato un berretto da soldato e sono diventate combattenti nell'Armata Rossa. Se indossavano braccioli rossi, si affrettavano alle stazioni di pronto soccorso per aiutare il fronte rosso contro Kerensky a Gatchina. Hanno lavorato nelle comunicazioni dell'esercito. Lavoravano allegramente, certe nella convinzione che stava succedendo qualcosa di importante e che siamo tutti piccole ruote dentate dell'ingranaggio della rivoluzione di classe.
Nei villaggi, le donne contadine (i loro mariti erano stati mandati al fronte) si impossessarono delle proprietà terriere e cacciarono l'aristocrazia dai nidi in cui si era posata per secoli.

Quando si ricordano gli eventi dell'Ottobre non si vedono i volti degli individui, ma le masse. Masse innumerabili, come ondate di umanità. Ma ovunque uno guardasse vedeva le donne - alle riunioni, ai raduni, alle dimostrazioni…
Non sono ancora sicure di quello che vogliono esattamente, di quello che stanno cercando, ma sanno una cosa: non sopporteranno più la guerra. Non vogliono nemmeno più i proprietari terrieri e i ricchi ... Nell'anno 1917, il grande oceano d'umanità si muove e ondeggia e gran parte di quel mare è costituito da donne ...
Un giorno, gli storici scriveranno sulle imprese di queste eroine senza nome della rivoluzione che morirono al fronte, furono fucilate dai Bianchi e che sopportarono le innumerevoli privazioni dei primi anni successivi alla Rivoluzione, ma che continuarono a portare la Bandiera Rossa del potere dei Soviet e del comunismo.
E' in queste eroine senza nome, quelle che morirono per ottenere una nuova vita per gli operai durante la Grande Rivoluzione d'Ottobre, nelle quali la giovane Repubblica si riconosce, come i suoi giovani, allegri ed entusiasti, fermi nel costruire le basi del socialismo.
Comunque, al di fuori di questo mare di teste femminili avvolte da sciarpe e cappelli invernali, inevitabilmente emergono le figure di quelle alle quali gli storici tributeranno particolare attenzione quando, a molti anni da oggi, scriveranno sulla Grande Rivoluzione d'Ottobre e del suo leader, Lenin.
La prima figura che emerse fu la fedele compagna di Lenin, Nadezhda Konstantinovna Krupskaya, che indossava il suo sobrio vestito grigio e impegnata sempre a restare sullo sfondo. Scivolava via inosservata alle riunioni, mettendosi dietro un pilastro, ma vedendo e sentendo e osservando tutto ciò che accadeva, in modo da poterne dare pieno conto a Vladimir Ilic, aggiungendovi i propri commenti e rendendo chiara ogni idea ragionevole, utile o adeguata.
In quei giorni Nadezhda Konstantinovna non parlava nelle numerose riunioni tempestose in cui la gente discuteva la grande questione: i Soviet prenderanno il potere o no? Ma lavorava instancabilmente come mano destra di Vladimir Ilyich, occasionalmente facendo il sunto, commentato, alle riunioni di partito. Nei momenti di grande difficoltà e pericolo, quando molti compagni più forti perdevano il cuore e cedevano al dubbio, Nadezhda Konstantinovna rimase sempre la stessa, totalmente convinta della giusta causa e della sua certa vittoria. Ha irradiato una fede incrollabile e questa solidità di spirito, nascosta dietro una rara modestia, ha sempre avuto un effetto confortante su tutti coloro che entrarono in contatto con la compagna del grande leader della Rivoluzione d'Ottobre.
Un'altra figura emerse - quella di un altra fedele compagna di Vladimir Ilyich, una compagna d'armi durante i difficili anni di lavoro sotterraneo, segretaria del Comitato centrale del Partito, Yelena Dmitriyevna Stassova. Pallida e di sopracciglio alto, di una rara precisione ed eccezionale capacità di lavoro, possedeva la rara abilità di "individuare" la persona giusta per un certo incarico. La sua figura alta e statuaria poteva essere scorta prima nel Soviet al palazzo di Tavrichesky, poi nella casa di Kshesinskaya e infine a Smolny. Nelle sue mani tiene un quaderno, mentre intorno a lei i suoi compagni giornalisti del fronte, i lavoratori, le guardie rosse, le donne lavoratrici, i membri del Partito e dei Soviet, cercano una risposta o un ordine rapido e chiaro.
Stassova si assumeva la responsabilità di molte cose importanti, ma se un compagno doveva affrontare il bisogno o il disagio in quei giorni tempestosi, ella si confrontava sempre, fornendo una risposta breve e apparentemente brusca e facendo lei stessa tutto quello che poteva. Era sopraffatta dal lavoro e sempre al suo posto. Sempre al suo posto, ma non spingendosi mai avanti alla prima fila per eccellere. Non gli piaceva essere al centro dell'attenzione. La sua preoccupazione non era per se stessa, ma per la causa.
Per la causa nobile e amata del comunismo, per la quale Yelena Stassova ha sofferto l'esilio e la prigionia nelle carceri zariste, rimanendo con la salute rovinata ... In nome della causa fungeva da supporto, duro come l'acciaio. Ma alle sofferenze dei suoi compagni mostrava una sensibilità e una reattività che si trovano solo in una donna con un caldo e nobile cuore.
Klavdia Nikolayeva era un'operaia di origini molto umili. Aveva aderito ai Bolscevichi già nel 1908, negli anni della reazione e aveva sopportato l'esilio e la prigionia ... Nel 1917 tornò a Leningrado e divenne il cuore della prima rivista per le donne lavoratrici, Kommunistka. Era ancora giovane, piena di fuoco e di impazienza. Ma teneva saldamente la bandiera e dichiarò con audacia che le operaie, le mogli dei soldati e le contadine dovevano essere ammesse nel Partito. Per lavorare, donne! Alla difesa dei Soviet e del Comunismo!
Parlava alle riunioni, ancora nervosa e incerta, ma attraeva gli altri nel seguirla. Era una di quelle che portavano sulle proprie spalle tutte le difficoltà necessarie per preparare la via all'ampio coinvolgimento delle donne nella rivoluzione, una di quelle che hanno combattuto su due fronti - per i sovietici e il comunismo e allo stesso tempo per l'emancipazione delle donne. I nomi di Klavdia Nikolayeva e Konkordia Samoilova, morte al loro posto di combattimento rivoluzionario nel 1921 (per colera), sono indissolubilmente legati ai primi e più difficili passi del movimento femminile, in particolare a Leningrado. Konkordia Samoilova era un membro di partito di altruismo ineguagliabile, una fine ed efficiente oratrice che sapeva vincere i cuori delle donne lavoratrici. Coloro che hanno lavorato accanto a lei ricorderanno a lungo Konkordia Samoilova. Era semplice nel modo, semplice nel vestire, esigente nell'esecuzione delle decisioni, rigorosa, sia con se stessa che con gli altri.
Particolarmente sorprendente è la figura gentile e affascinante di Inessa Armand, che è stata incaricata di compiti di partito molto importanti, nella preparazione alla Rivoluzione d'Ottobre e che poi ha contribuito con molte idee creative al lavoro svolto tra le donne. Con tutta la sua femminilità e la gentilezza del modo, Inessa Armand era incrollabile nelle sue convinzioni e in grado di difendere ciò che credeva essere giusto, anche quando si trovava di fronte ad avversari irriducibili. Dopo la rivoluzione, Inessa Armand si è dedicata all'organizzazione del vasto movimento delle donne lavoratrici e la conferenza delle delegate è una sua creazione.
Un grande lavoro è stato compiuto da Varvara Nikolayevna Yakovleva durante i giorni difficili e decisivi della Rivoluzione d'Ottobre a Mosca. Sul campo di battaglia delle barricate ha mostrato una risoluzione degna di un leader di quartier generale di Partito ... Molti compagni hanno poi riferito che la sua risolutezza e il suo coraggio inimmaginabile diedero forza agli indecisi e ispirarono nuovamente coloro che avevano perduto il cuore. 'Avanti!' - fino alla vittoria.
Se uno ricorda le donne che presero parte alla Grande Rivoluzione, molte facce e nomi risorgono come per magia dalla memoria. Possiamo dimenticare di rendere onore alla memoria di Vera Slutskaya che lavorò in modo altruista alla preparazione della Rivoluzione e che fu colpita dai Cosacchi sul primo Fronte Rosso vicino a Pietrogrado?
Potremmo mai dimenticare Yevgenia Bosh, con il suo temperamento ardente, sempre desiderosa di combattere? Morì anche lei, al suo posto di combattimento rivoluzionario.
Potremmo mai omettere di menzionare qui due nomi strettamente legati alla vita e all'attività di V.I. Lenin - le sue due sorelle e compagne di lotta, Anna Ilyinichna Yelizarova e Maria Ilyinichna Ulyanova?
... e la compagna Varya, delle officine ferroviarie di Mosca, sempre vivace, sempre di fretta? E Fyodorova, operaia tessile a Leningrado, con il suo volto piacevole e sorridente e la sua paura quando venne a combattere sulle barricate?
È impossibile elencarle tutte e quante rimangono senza nome? Le eroine della Rivoluzione d'Ottobre erano un intero esercito e sebbene i loro nomi vengano dimenticati, il loro altruismo vive nella stessa vittoria della Rivoluzione, in tutte le conquiste e nei successi di cui ora godono le donne lavoratrici nell'Unione Sovietica.
È un fatto chiaro e indiscutibile che, senza la partecipazione delle donne, la Rivoluzione d'Ottobre non avrebbe potuto condurre la Bandiera Rossa alla vittoria. Gloria alle donne lavoratrici che marciavano sotto quella Bandiera Rossa durante la Rivoluzione d'Ottobre. Gloria alla Rivoluzione d'Ottobre che ha liberato le donne!

Alexandra Kollontaj (1872/1952)